Share

Sardex? Una specie di Monopoly!

Un articolo scritto da Lluís Muns i Terrats paragona il modello Sardex al gioco del Monopoly e spiega il progetto europeo DigiPay4Growth.

Lluís Muns i Terrats è stato ospite dell’edizione 2014 di Mitzas. Esperto di coaching e ideatore di un gioco da tavolo ispirato al concetto di intelligenza emozionale, “Implica’t”, ha scritto un articolo interessante e molto originale che accomuna determinate caratteristiche del Monopoly al modello Sardex.

Ci è sembrato opportuno pertanto tradurre i passaggi più significativi del suo articolo uscito il 14 gennaio 2015 nel portale Sociedad De La Innovación:

“Quando ci siamo promessi di ampliare l’articolo dedicato ai cinque innovativi sistemi di pagamento locali (tra cui Sardex.net), realmente non stavamo pensando al giorno in cui, al Teatro Massimo di Cagliari, si esploravano, in occasione del festival Mitzas, le possibilità e le opportunità che le monete locali offrivano alle amministrazioni pubbliche. Durante Mitzas, ospiti nazionali e internazionali avevano il compito di spiegare la propria esperienza all’interno del progetto europeo DigiPay4Growth. Si tratta di un progetto, unico al momento in Europa, che promuove la partecipazione dei cittadini, delle amministrazioni pubbliche e delle imprese con l’obbiettivo di aumentare la domanda locale, stimolare la circolazione e la capacità di spesa locale, e sopratutto di aumentare la spesa pubblica nel territorio. Durante un dibattito, Henk Van Ankel, CEO della Fondazione STRO (Social Trade Organization), disse che il meccanismo di Monopoly lo portò a immaginare il funzionamento di un altro modo di intendere l’economia. Dopo anni di studi, prese forma il primo software di monete complementari, Cyclos, ideato proprio da STRO.

mitzas
Da sinistra: Lluís Muns i Terrats, Henk Van Ankel e Andreu Honzawa.

Certo, è parecchio azzardato paragonare il metodo di Cyclos a quello del Monopoly, eppure entrambi presentano diverse analogie, sopratutto nello studio di formule che permettano di utilizzare la spesa pubblica per ottenere crescita economica e nuovi posti di lavoro attraverso un sistema di pagamento controllato e sicuro.

Ancor più ci sono somiglianze tra il Sardex e il Monopoly. Giuseppe Littera, uno dei fondatori di Sardex.net, spiegò proprio a Mitzas come il modello sardo di moneta complementare veniva replicato nelle altre regioni d’Italia. Così come il Monopoly adotta e si adatta alla realtà delle città che via via compaiono nel gioco, senza cambiarne le regole, allo stesso modo Sardex si aggiusta alla realtà della regione in cui si replica preservando il suo funzionamento strutturale”.

È possibile leggere l’articolo originale sia in catalano che in castigliano.

Articolo ripreso dal Blog di Sardex.net

N.B. La foto di copertina è di Giovanni Orlando.